ETOLOGIA

E' un animale gregario e, come tale, ha sempre bisogno di vivere a stretto contatto con propri simili. All’interno di ogni branco, per quanto piccolo sia, si formano delle gerarchie ben precise, sia tra i maschi che tra le femmine. Le gerarchie tra maschi sono presenti in tutti i animali che vivono in branco(eccezion fatta per insetti e alcuni pesci);  non sempre presenti, ma comunque abbastanza comuni, sono anche le gerarchie tra femmine. Non troppo inconsuete sono anche delle "piccole alleanze". Talvolta capita infatti vedere caprette di grado superiore schierarsi in difesa di altre di grado  inferiore senza un apparente motivo logico. Per esempio, può capitare di vedere l’individuo "alfa" attaccare quello "beta" per difendere il "gamma".

Se possibile, non andrebbero tenuti maschi adulti nello stesso recinto. Le continue lotte, causerebbero problemi a loro  e, in secondo luogo, alle stesse femmine ne potrebbero venire involontariamente coinvolte. In certi periodi, diversi allevatori consigliano di non mantenere alcun maschio nel recinto delle femmine perché potrebbero venire tormentate in periodi nei quali necessiterebbero di tranquillità o per evitare gravidanze in tempi non adeguati.  Pertanto il male minore è quello di tenere i maschi isolati, o con individui castrati, per la maggior parte del tempo.

Le femmine sono normalmente estremamente docili; alcuni maschi possono invece mostrare una certa aggressività anche contro le persone. Un altro fattore che ne sconsiglierebbe l’allevamento per chi non lo fa a scopo di lucro, è quello del notevole fetore che becchi emanano durante il periodo dell’estro.

 

Sono animali particolarmente vivaci che amano rincorrersi e saltare su panche, grossi massi e alberi coricati. Capita anche di vederli intraprendere piccoli combattimenti, normalmente totalmente incruenti nelle femmine, per ribadire le gerarchie.

Non amano particolarmente il caldo torrido ma, soprattutto nei periodi invernali, vanno alla ricerca dei posti soleggiati per coricarsi.

Amano mangiare le foglie, i rovi, le piante giovani, i germogli, la maggior parte delle specie di erbe e le cortecce più tenere; gli alberi sani e adulti non corrono particolari rischi se la corteccia e i rami bassi godono di un minimo di protezione.

Chi volesse mantenerle nel proprio giardino dovrebbe tenere conto di queste caratteristiche.